Io quando ero piccola

Io quando ero piccola dicevo scella, la scella, senza la a davanti, senza la elle con l'apostrofo. Poi, quando mi spiegarono che non era la scella, era l'ascella, io ci sono rimasta male, io ci ho messo parecchio a riprendermi. Per me sarebbe sempre rimasta la scella, staccato. Al massimo scellina, scellina la mia, scella quella dei grandi.

Io quando ero piccola ero sensibile alle cose a cui non era mai stato dato un nome, allora mi sentivo investita della missione di dare io un nome alle cose che non avevano un nome. Per esempio i fili elettrici che correvano lungo i muri delle case, come era possibile che nessuno li chiamasse mai, che non avessero un nome loro. Allora io ho inventato una nuova parola: elettrofil. Poi ogni discorso che facevo a casa e alle mie amichette, cercavo di inserire questa parola, elettrofil, nel discorso, per spargere la voce. 

Io quando ero piccola, avevo forse sette anni, un giorno a scuola ho imparato una parola nuova, croco, che è una specie di fiore in germoglio. Poi il pomeriggio, al catechismo, abbiamo fatto il gioco del telefono senza fili, che bisogna dire una parola all'orecchio a catena e alla fine esce sempre una parola diversa da quella con cui si è iniziato. Io quando toccava a me a cominciare ho detto all'orecchio la parola croco. Poi, alla fine, l'ultima persona della fila ha detto: scroto. Tutti ridevano. Io non l'avevo mica capito perchè ridevano tutti.

Advertisements

4 thoughts on “Io quando ero piccola

  1. Io quand'ero piccolo credevo che "ergastolo" di dicesse "ergastro", poi quando mi spiegarono che si diceva "ergastolo" non riuscivo a farmi una ragione del fatto che una pena così dura potesse avere un nome dal suono così poco serio, "ergastro" era molto più appropriato.

  2. A me successe con piazzale Gramsci. Tutte le altre erano piazze, quindi quella non poteva che essere piazza Legramsci. Non avevo idea di chi o cosa fosse un legramsci, peró poco importava. Fu una certa delusione quando imparai a leggere il cartello…

  3. Qui, purtoppo, c'è poco da ridere… Splinder potrebbe essere chiuso entro un paio di settimane e, con ogni probabilità, anche i nostri blog non ci saranno più. Penso convenga correre ai ripari…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...