tutta tonica

Sto leggendo un libro che mi serve per scrivere una tesina. Non vi dico di che parla la tesina, sennò vi addormentate, è già tardi, e pochi ascoltano ancora questa flebile voce che a malapena sopravvive. Sulla copertina del libro c’è un pezzo di corpo di ape spiaccicata. Me ne sono accorta adesso, che il libro si è chiuso. E un libro verdino, l’ho preso dalla biblioteca. Qualcuno, invece di studiare, l’ha sbattuto contro un’ape, poverina. Chissà cosa gli aveva fatto, poverina. L’ha presa di profilo comunque, perchè il corpo spiaccicato, o l’ombra che ne rimane ormai, è di profilo. Io comunque di questo libro dovevo leggere solo una decina di pagine. Almeno oggi, poi domani due capitoletti, poi basta. Mica lo devo leggere tutto, per la tesina. Poi sapete che faccio? prendo anche la tesi di laurea, che l’argomento è quello, qualcosa centra sempre, e l’introduzione la prendo da lì. Tanto la tesi di laurea, l’ho scritta io, che vi credete, mica è copiare, e se è copiare, copio da me stessa, e, non vi preoccupate, me lo do il permesso, eccome se me lo do.

Che poi non è copiare, è: siccome per la tesi ho già letto un milione di libri, invece di rileggerli, riprendo la sintesi che ho già fatto nella tesi, che io mi sono laureata sette anni fa, non è che ora posso ricordarmi tutto.

E niente, e poi me ne vado a letto, che sto finendo di leggere, di ri-leggere scusate, i Dubliners di Joyce, che mi sa è la terza volta che li leggo, però ero troppo piccola allora, ero alle superiori, non ci capivo niente, e mi era sembrato un libro pensatissimo, e invece ora me lo rileggo e penso, però  invece è bello, non è pesante, e poi essendo ambientato a Dublino, in questi giorni mi sembra di essere tornata lì e rivedo tutte le strade: George Street, Dame Street , Eustace Street, Henry Street e così via.

Poi anche oggi mi ero ripromessa che avrei scritto di nuovo, che sennò l’autostima mi si abbassa troppo, e hai visto che ho scritto. E poi mi ero ripromessa che sarei andata in piscina, che è un mese che non ci vado, e oltre ad abbassarmi l’autostima, mi si abbassa il conto che ho pagato tre mesi di piscina e non sono riuscita molto ad andarci. Ebbene, oggi ci sono andata e ho fatto: udite udite 60 vasche. No perchè di solito ne faccio 40 al massimo 50, oggi ne ho fatte 60. Sarà che ultimamente ci ho un po’ di ansietta si vede che ho bisogno di scaricare un po’ di energie in surplus, ecco perchè, perchè, anzi, dopo quelle 60 sarei andata avanti altre 40 non mi fermava più nessuno ormai. Però ormail erano le tre e finiva il nuoto libero, e poi dovevo tornare a casa a lavare il bagno che gridava vendetta da una settimana e poi dovevo studiare. E insomma oggi ho anche lavato il bagno.

Sarà che questa settimana non devo andare su a Venezia, sarà questa ansietta che però sta ancora nel retro della testa. Sarà anche che a casa sono sola fino a domenica, che l’uomo è a londra e devo far passare presto il tempo (magari sola! e i coinquilini dove li metti?). insomma qualcosa sarà che oggi sto così, tutta tonica.

Advertisements

2 thoughts on “tutta tonica

  1. oh…ma allora qualcuno ancora mi legge! 🙂
    Dubliners: sicuramente non è il libro più avvincente della terra, ma alcune storie mi stanno incantando, sarà che mi fanno rivivere un po' la vecchia amata dublino, che è un po' che non ci torno. Ciao!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...