tramezzino i love you

I tramezzini di Venezia. Voi non potete capire, cioè, se non siete di Venezia non potete capire. Cioè, se non li avete mai assaggiati, se invece siete stati a Venezia e li avete assaggiati allora potete capire. Che è amore a prima vista, che, poi, il mondo, non è più lo stesso. I tramezzini di Venezia sono soffici e batuffolosi, sono paffuti e morbidosi, sono tondi e rotolosi. Gli ingredienti si arrotolano uno dentro l’altro in un rotolino saporito e goloso e sono così abbondanti che ne risulta un tramezzino panciuto e sbrodoloso. Melanzane e porchetta, rucola brie e bresaola, prosciutto e uova (ma non aspettatevi un tramezzino tradizionale, se dico prosciutto e uova immaginatevi l’innamoramento passionale di questi due gusti in un delirio di goduria, con la maionese al punto giusto, nè troppa nè troppo poca), speck e gorgonzola, insalata di gamberi, tonno e uova, e un altra miriade di azzeccatissime e deliziose combinazioni.

Tramezzino di Venezia mi sono innamorata di te, cioè ero già innamorata di te, ma dopo tutti questi anni che me ne sono andata e ti avevo dimenticato, ora che ci siamo ritrovati non ci lasceremo più, mai più..

Ora volevo scrivere una poesia. Fa così:
poesia:
ma signorina,
a cosa la paghiamo a fare?
per comprare tramezzini
e rivedere i nipotini?

Questa poesia parla del fatto che quando torno  da queste parti veneziane, in teoria dovrei studiare, frequentare ed esser molto produttiva ma alla fine non faccio altro che comprare tramezzini e andare a casa di mia sorella dai quei due individui di due e quattro anni che le circolano per casa…

Poi a proposito di poesie, volevo dire che l’altra mattina in treno a bologna è salito un ragazzo che neanche questo forse potete capire quanto era bello, ma non era bello nel senso di belloccio, no, era bello di una bellezza seria, distante, aerea..e comunque ho detto a proposito di poesie anche se in realtà le poesie non c’entrano niente.
Ragazzo che sei salito a Bologna l’altra mattina, se mi leggi volevo dirti che sono io, quella che si leggeva freud e saul bellow in treno mentre tu ti leggevi andy warhol, volevo dirti che amo di più il tramezzino di Venezia di te. Però mi hai fatto un certo effetto, anche se poi ti ho dato del lei e ti ho detto: arrivederla.

Arrivederla???

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...