TB or not TB

“TB or not TB
That is the congestion
Consumption be done about it?
Of cough. Of cough”.
 
(Woody Allen in “Everything you always wanted to know about sex* but were afraid to ask”
 
Voglio insegnare Shakespeare così ai miei studenti.
Annunci

cerchio o quadrato?

" Poems are imaginary gardens with real toads in them"
(Marianne Moore)
A me, sguardo perbenista e benpensante, a me a volte capita di posarmi su situazioni che tendono ad uscire dal quadrato preciso e netto delle mie solide categorie benpensanti. A volte mi imbatto in relazioni sciolte, non definibili con parole che così tanto facevano parte del mio vocabolario: relazioni stabili, sicurezza, serenità sentimentale, punto fermo, certezza. Ecco, mi imbatto in relazioni sfilacciate, sdrucite, in umanità lacerate, in rapporti che si costruiscono nell’alternanza di distanza e vicinanza, nel sentire evanescente e fragile, nell’unica certezza dell’incertezza e dell’instabilità.
Ed io, con le mie solide certezze fatte di parole quadrate e sillabe ben scandite, ritrovo la poesia. La poesia dei contorni non definiti, la poesia del non pronunciato, la poesia delle non forme, delle non parole. Io ritrovo la poesia dell’immaginabile possibile. Il dubitare delle relazioni è la sorgente dello scrivere. L’incedere incerto dei rapporti è la miccia di parole incantanti.
Ed io, mollemente mi domando se solo nell’incertezza è la poesia. Se solo nel dubbio è l’incanto meraviglioso delle parole. Se solo l’incerto è cerchio, oppure.
La stabilità, la solidità, sono solo quadrati, oppure vi posso trovare anche dei cerchi. Dov’è la poesia, nella solidità. Dov’è la poesia, se nella solidità incontro la noia, l’abitudine, la sopportazione, la fatica.
Forse nell’umorismo, forse la poesia si è trasformata in umorismo. Se riesco almeno un po’ ad uscire dai percorsi dell’abitudine, posso ridere del mio avere deciso di credere in una e solo una possibilità.
Se decido di credere in una e solo una possibilità, la poesia per forza di cose svanisce, diminuisce per lo meno. Occorre molta immaginazione e molto umorismo per costruire la poesia sopra un percorso stabile.